Le risposte alle domande sul Mac
Friday, April 20, 2007

alcune riflessioni su scrivere e le tastiere (breve)

Post di Fabrizio Venerandi sul newsgroup it.comp.macintosh

Main topics: OT

Author: Fabrizio Venerandi

quindi alla fine ho comprato il programma devonthink pro office usando l’offerta per gli studenti e ho speso circa 110 euro e questo mi crea una grande prostrazione perché in realtà devonthink pro office non è proprio quello che volevo comprare ma dopo che mi sono reso conto che un casino di mie cose le facevo con devonthink pro office e che dopo che era scaduta la demo ero impazzito non sapevo con che altro programma gestirle, allora ho capito che ho bisogno di devonthink pro office anche se razionalmente io so che devoonthink pro office non serve a niente, ma io ormai non ne posso fare a meno ma quello che ti volevo dire è che mi è venuta la scimmia di prendermi una tastiera per scrivere quando ho il computer collegato al monitor esterno, ora come ora ho una apple keyboard bluetooth senza fili fica da vedere ma ci scrivo di merda ed è grossa e io mi rendevo conto che scrivevo meglio con la tastiera piatta del powerbook 12’’ che con la tastiera apple keyboard bluetooth senza fili fica e questa cosa mi sembrava assurda finché non ho scoperto che al mondo esistono tre tipi di tastiera, a) la tastiera a membrana che sono le tastiere che usano tutti che sono delle merde sono molle devi arrivare fino a fine corsa per premere la membrana del cazzo e la apple keyboard bluetooth senza fili fica usa questa tecnologia da poveracci per risparmiare b) la tecnologia a membrana ma con dei cosi crossati di plastica che si chiama scissor switch che tengono il tasto con poca corsa e questa è la tecnologia più fica della prima ed è usata soprattutto dai portatili e va molto meglio come durata e come feedback di quando scrivi ed è per questo che mi trovo meglio con la tastiera del powerbook che con quell’altra, quando l’ho letto sono rimasto bene, rilassato, vuol dire che non sono del tutto paranoico, ci sono delle leggi che regolano l’universo e tra queste quella che fa sì che le tastiere scissor switch siano migliori delle merdose a membrana e quindi io non ero pazzo avevo ragione c) le tastiere a switch meccanico che sono quelle che facevano dieci anni fa che quando scrivevi facevano STOCK STOCK che sono le più costose e fiche di tutte perché i tasti sono fatti uno ad uno, non devi arrivare a fine corsa e hai un feedback che può anche essere eccezionale quando scrivi e tutti dicono che sono eccezionali e io ne ho una che però non va bene per gli apple attuali e l’ho anche provata sul mio vecchio apple ma non mi ci trovo e questo mi fa sentire in colpa, perché tutti dicono che è eccezionale mentre io mi ci incastro perché ha la parte alta dei tasti troppo piccola e poi come tastiera è troppo grossa e quindi sono triste perché sono di nuovo caduto nel novero dei paranoici e alla fine dopo ore e ore di ricerche ho trovato la tastiera che volevo io, esattamente come la volevo io e ho scoperto che era la prima tastiera fatta per il primo macintosh nel 1984 o quando era, capisci pazzesco, quando hanno fatto la prima tastiera del primo macintosh hanno pensato a me e però non la posso usare per il mio perché la tecnologia è migliorata io sto diventando isterico koch a me mi sta venendo una crisi nervosa con tutti gli annessi e connessi, non ne posso più fai conto che ieri notte mi sono sognato che ero in ufficio e aprendo un vecchio scatolone scoprivo una tastiera originale del macintosh e una più recente tastiera tactile pro, tutte usate e buttate nello scatolone e io dicevo cazzo ma sono tastiere fantastiche e la tactile pro ha anche la tecnologia a switch meccanico cazzo chissà chi cazzo le aveva prese e poi buttate qua dentro e poi mi sono svegliato e non solo ero triste perché queste tastiere le avevo solo sognate, ma anche perché mi sentivo una merda per aver sognato delle tastiere a switch meccanico non è possibile -mi dicevo- che mi vado a inculare sempre in queste paranoie consumistiche che mi assorbono completamente perché io penso alla tastiera ma quello di cui avrei bisogno adesso è una redenzione, koch ecco di cosa abbiamo bisogno, di una redenzione e pensiamo che queste cose materiche possano aiutarci nella nostra ricerca di redenzione mentre con il loro essere “cose” ci buttano sempre più in basso nella nostra bestialità con tutti i sensi di colpa che ne conseguono, siamo come la falena che gondry ha fatto per il primo video di bjork, te lo ricordi quello che lei è nella casa in mezzo al bosco e c’è questa falena che si sbatte contro la luce e poi le finisce sul tavolo e lei esce ed è inseguita da un orso vagamente antropomorfo, ecco noi siamo come quella falena che siamo attirati dalla luce e non ci rendiamo conto che la cosa più importante è sotto di noi, ovvero bjork che ci guarda con la forchetta e il coltello in mano e quel suo sguardo animalesco, oh e poi mi metto a scrivere e penso che sono un imbecille a scrivere storielle quando c’è la vita che mi chiama intorno che ho un casino di cose bastarde che devo fare per tirare avanti per tenere alto il mio standard di vita per non finire sul divano a dormire pisciandomi addosso, è un immagine presa da un racconto di coso, di carver, ecco, ci sono le cose bastarde e non posso perdere tempo e a scrivere stronzate su di un powerbook quando poi ci sono le cose bastarde che ti abbaiano alla porta per morderti le viscere, tu sai di cosa sto parlando, tipo l’altro ieri ho scritto tre pagine che a questo punto posso dire eccezionali per un romanzo del cazzo e ho scoperto che il programma del cazzo che usavo nel convertire il file dal vecchio formato al nuovo ha scazzato di brutto e mi ha cancellato tutto, tre pagine le avevo scritte con un pantone grigio scuro su fondo pantone rosa pesca e quel bastardo programma che ho anche pagato le ha rasate al suolo e ha fatto anche un bakcup del file rasato su quello con le cose che avevo scritto, una bastardata ho anche scritto al programmatore e ho scritto in maiuscolo la parola ERASED e lui non capiva, il programmatore dico, mi scriveva e diceva che sorry non riusciva a ripetere il mio problema, diceva che il problema era solo mio che era un mio fottuto problema che nessuno mai prima aveva avuto quel problema, capito mi trattava da psicopatico, non era la prima volta che gli scrivevo dicendo che nel suo fottuto programma c’erano dei problemi e lui mi diceva sempre sorry non ho il tuo sistema operativo hai una versione vecchia dovresti aggiornarlo e io l’ho aggiornato e il suo programma mi ha brasato quattro pagine, allora gli ho fatto qualcosa come dodici screenshoot con tutti i passaggi passo per passo in cui si mostrava evidentemente e al di fuori di ogni ragionevole dubbio che il suo programma nel convertire dal vecchio formato al nuovo ti fotteva pagine intere di letteratura e allora lui mi ha scritto questa email dicendo cazzo ragazzo grazie cazzo ecco come si crea questo bug pazzesco altri mi avevano detto questa cosa ma non ero mai riuscito a riprodurla grazie per la tua pazienza e poi ha detto che lo correggerà ma niente potrà effettivamente restituirmi quello che mi è stato ingiustamente tolto ovvero le quattro pagine cancellate e evidentemente me ne farò una ragione koch, che devo fare koch, ieri sono andato in un negozio dell’usato koch solo per vedere se avevano delle tastiere usate, non che le volessi comprare ma solo per vedere se c’erano e c’erano un sacco di macchine da scrivere e ho pensato a questa immagine anche cinematografica dello scrittore appollaiato sulla macchina da scrivere con la sigaretta e il bicchiere che scrive e fa letteratura con lo sguardo intensissimo o la faccia distrutta dal sonno o dall’alcool o dalle sigarette e ho pensato che adesso potrei anche io fare così, a parte il bere che non bevo quando scrivo e a parte le sigarette perché non fumo e anche a parte la macchina da scrivere perché io uso il powerbook, ma il concetto resta lo stesso, l’idea di mettersi lì in un rapporto di uno a uno e scrivere koch, qualsiasi cazzo di cosa koch, tipo miller, io non so come scrivesse miller non so niente di miller, ma miller me lo vedo sulla macchina da scrivere che si mette lì e scrive, poi magari scopro che era uno meticolosissimo con decine di quaderni di appunti di disegni e schemi dei propri romanzi con tutta una merda sopra di riflessione sulla propria scrittura, ma nel mio immaginario miller si metteva lì, tirava una boccata dalla sigaretta, sbuffava fuori il fumo, prendeva il bicchiere e beveva un po’ e poi apriva la remington e iniziava a battere facendo un casino che quella grassa del piano di sopra iniziava dare colpi con la scopa contro al pavimento urlando di smetterla con quella fottuta macchina da scrivere, usava proprio questa espressione “fottuta macchina da scrivere”, il problema caro koch è che io non riesco più a scrivere faccio un fottio di errori di battitura, scrivo una riga e sto già pensando a quella dopo e e vedo che quello che ho scritto è tutto sottolineato di rosso perché ho invertito le lettere o ce ne ho aggiunte o mi sono dimenticato lo spazio e tutto questo inizio a pensare che sia colpa della mancanza di vitamina b12 che è una vitamina che si trova in natura negli insetti, nella carne, nel fango e cose del genere e noi che siamo gente che non mangia la carne dobbiamo prendere degli integratori altrimenti diventiamo pazzi, letteralmente, ed è anche un male che non puoi più tornare indietro, diventi pazzo per sempre e questi sintomi che io non riesco più a scrivere sono chiari segni che mi manca la b12 e che tra poco impazzirò del tutto e diventerò lo spettro di me stesso girerò biascicando cose senza senso e dormirò per terra non riconoscerò le persone non so bene quali siano davvero gli effetti della mancanza di vitamina b12 li sto un po’ inventando, comunque la cosa non mi creerebbe grandi problemi anzi sarei quasi rilassato di dover smettere di tenere questo alto profilo, ti ho già parlato del problema della redenzione, qui a furia di tenere questo alto profilo con un indole da pezzente vivo come il signor bonaventura a cui però, differenza interessante, l’assegno che danno è post-datato o ci sono dei disegni delle winxs o del signor paperon de paperoni, insomma è un assegno del cazzo del tutto simbolico e anche un po’ grottesco, c’è questa scena di strindberg in in verso damasco II mi pare che sia in verso damasco II in cui invitano strindberg a non so quale premio per non so quale cosa di letteratura e lui ci va e tutti lo applaudono e lui sale sul palchetto e inizia a fare un discorso e mentre lui fa il discorso c’è un cambio di scena a scena aperta, i mobili si spostano, alcune persone se ne vanno mostrando che il cuore della gente che applaudiva erano delle puttane e dei poveracci e che il luogo dove si svolgeva questa cerimonia era una bettolaccia del cazzo e quindi strindberg nel mezzo del suo discorso di trova tra puttane e ubriachi e si sente una delle peggio merde e poi il dramma prosegue eccetera, e il terzo problema caro koch è che quando scrivi esci dal mondo reale, è un po’ un matrix bambinesco, esci dal mondo reale che continua senza di te, è come se morissi per qualche ora regredendo a uno stato infantile in cui sei licenziato a scrivere storielline a mettere insieme omini che parlano come se fossero la barbie e kent e tu stai per qualche ora a fare questa cosa di mettere assieme le favolette e il mondo intanto è andato avanti e tu hai perso delle ore ti sei baloccato mentre loro hanno pensato hanno fatto le cose si sono mossi per tempo e tu no, tu resti uno stronzo che magari pensava di essere qualcosa di particolare solo per il fatto di essersi inventato le favoline con barbie e kent che scopano o si fanno dei lavori di bocca, ma caro koch questa cosa è una specie di malattia, cosa credi che sia uno scrittore lo scrittore caro koch è uno che sfrutta una sua malattia per fare delle cose a largo consumo, io so scrivere delle cose che sono divertenti che fanno ridere che fanno anche un po’ pensare e che magari mi danno anche dei soldi, ma pensi che me ne freghi un cazzo di qualcosa, sono solo dei prodotti laterali di una malattia come se vendessi parte delle piaghe delle pustole quelle magari più digeribili koch quelle che sono a forma di fiore o di minchia koch, ma il cuore del discorso è che siamo malati koch e non sto più parlando della b12 koch, sto parlando di questa cosa che non ha niente a che vedere con la vita mia di tutti i giorni delle delusioni delle incazzature delle mortificazioni della vita di tutti i giorni, la scrittura non ha niente a che vedere con tutto questo anche se magari mi metto a scrivere di queste cazzo di cose, resta una cosa separata una forma di sopravvivenza per l’infanzia, ho anche letto un noir e qua siamo al quarto punto, ho anche letto un noir e mi sono chiesto che senso ha, che senso ha scrivere un noir, potrei fare un libro che si chiama ‘quel che resta del noir’ lo scriviamo tra vent’anni quando il noir sarà finito e tutti diranno che il noir è morto e io dirò io lo sapevo già che il noir è niente è niente è niente di niente ma lo stesso discorso si può fare per qualsiasi cosa racconti una storia un’altra paranoia che ho koch è quella di mettermi a scrivere usando una tastiera dvorak, eh questo non te lo aspettavi koch eh, manco platania che adesso si fregia del suo powerbook sa cosa è la dvorak perché noi tutti adesso siamo abituati ad usare la qwerty mentre in realtà la qwerty non è la tastiera più adatta per scrivere anzi è una merda costruita per andare più lenti e non fare inceppare i tasti delle macchine da scrivere, mentre la più veloce è la dvorak che ha i tasti tutti mescolati e io non lo farei tanto perché creda che la dvorak sia davvero la migliore combinazione di tasti, ma perché così il fico dentro di me sarebbe soddisfatto e avrei la sicurezza che nessuno si mette a usare il mio computer perché nessuno ci capirebbe un cazzo non riuscirebbero a scrivere e poi magari si scopre che con dvorak io scrivo velocissimo e non faccio più errori di battitura che mi innervosiscono terribilmente tu non sai quanto ogni volta che rileggo e vedo che ci sono gli errori e che quindi non posso continuare a scrivere mi incazzo terribilmente, comunque non sono sicuro che la dvorak sia migliore ma so che la qwerty è la fottuta peggiore combinazione di tasti e infatti platania non lo sa ma fino a qualche anno fa apple non usava la qwerty che è una merda e ha le è accentate messe nello stesso tasto delle é accentate che è l’orrore, ma apple usava la qzerty che era una combinazione di tasti molto più intelligente e le accentate erano messe bene vicino alle altre lettere e non tutte in castigo come adesso che sono tutte vicino nell’angolino e per prendere la ù devo smettere di scrivere e andarla a cercare infatti mi rendo conto che sto evitando le parole con la ù perché mi rallenta troppo e anche la é perché la sbaglio sempre non uso lo shift, insomma la qzerty era una ficata in confronto e apple era l’unica che la teneva poi jobs ha iniziato a vendere ipod ed è cambiato tutto le tastiere apple sono diventate delle squallide qwerty molle e comunque adesso ho scoperto che esistono diversi tipi di tastiera, questo è importante da capire koch, lascia perdere il qwerty o lo qzerty adesso stiamo parlando di meccanica, ci sono tre tipi di meccanica, te lo avevo già raccontato ma facciamo che te lo ripeto, la meccanica più fica sono le tastiere a switch meccanico che sono quelle che facevano fino a una decina di anni fa e sono quelle che quando scrivi fai clock clock quelle belle dure come i capezzoli della elo e in pratica ogni tasto è un capezzolo meccanico quindi quando scrivi è come se battessi su un pianoforte e attivi switch-capezzoli e la tua scrittura già parte bene e fa godere, il secondo tipo è quella più diffusa adesso e sono le tastiere di merda a membrana che vuol dire che i tasti quando li premi sono molli perché sono poggiati su una fottuta membrana molla e premendoli la membrana si schiaccia e fa contatto e attiva il carattere che già parte mollo, non hai feedback, diventi insicuro con tutti i problemi che abbiamo già koch ci mancava la tastiera a membrana, e il terzo modello è quello che sta in mezzo è mezzo fico e mezzo no sono le scissor keys, cioè sono dei tasti tipo a membrana con due cosilli di plastica messi a forbice che premendo il tasto i cosilli a forbice fanno loro la pressione danno il senso di rilascio del tasto e quindi i tasti ti danno del feedback, sono bassi insomma sono quelli che di solito vengono usati sui portatili e sono mediamente fichi perché non hai lo stock stock ma il tasto non sembra nemmeno la mozzarella molla dei tasti a membrana e io al momento volevo prendere una tastiera a switch meccanico senza tastierino numerico della DS INTERNATIONAL che a dispetto del nome vende on line solo in canada, usa e messico, allora gli ho scritto e gli ho detto ragazzi mi interessava una vostra tastiera però sono italiano e loro dopo un giorno mi hanno risposto e mi hanno detto we can ship to italy, e basta, il testo di tutto il messaggio era we can ship to italy che sembra un po’ un titolo di un disco minore di frank zappa, magari un live, al che io gli ho riscritto e gli ho detto beh ragazzi fantastico ma tipo quanto mi costa la spedizione e come vi pago perché nel vostro sito io posso solo pagare se sono canadese o americano o messicano e loro non mi hanno risposto e dopo un giorno io gli ho riscritto ehi forse vi siete persi il mio messaggio o pensate che io sia un fottuto spammer o uno che dopo un po’ la smette e si calma ma sono davvero interessato alla vostra tastiera SMK-88 o alla vostra tastiera SMK-85 mi dite come faccio ad averla che io non posso più scrivere su questa bluetooth apple a membrana di merda ho bisogno di una tastiera a switch meccanico e loro allora mi hanno risposto che posso pagare con paypal e che la tastiera SMK-85 costa 49 dollari e la spedizione costa 33 dollari oppure la SMK-88 costa 59.95 dollari e la spedizione costa sempre 33 dollari al che io ho detto ah, sti cazzi, ma poi convertendo in euro sono circa 75 euro che per una tastiera a switch meccanico non sono manco tanto così ho scritto questa volta al servizio clienti dicendo salve sto per comprare una vostra tastiera SMK-85 e volevo sapere come funziona su mac e il servizio clienti mi ha risposto da taiwan di non scherzare, se proprio voglio comprare una tastiera da loro, beh è meglio che io butti i soldi per la SMK-88 che è pensata per macintosh, al che io gli ho detto capisco, ma a me piace di più la SMK-85 e loro mi hanno risposto che non se ne parlava, SMK-88 ragazzo o ti fai un giro lontano da noi della DS INTERNATIONAL di taiwan comunque sempre meglio di come mi era andata con il rivenditore ufficiale italiano della CHERRY 84-4100, al quale ho scritto salve vorrei prendere una CHERRY 84-4100 a switch meccanico la versione con 83 tasti senza tastierino numerico e layout italiano e lui mi ha detto non c’è problema però amico dovresti comperarne 45 pezzi perché al momento non ne ho, dovrei importarle dai tedeschi solo per te e in una cassa ce ne sono 45, se vuoi te ne vendo una cassa e io ci ho anche pensato di comprare una cassa e tenermene una e poi mettermi a vendere le CHERRY 84-4100 a amici a mio padre a gente che non conosco e così diventare ricco e salvare la CHERRY dalla bancarotta dovuta al rifiuto della gente per le tastiere a switch meccanico per quelle specie di gadget per mouse ottici che sono ormai le tastiere a membrana simbolo della decadenza del mondo dell’informatica tutto -- quando mi vide da lunge salutommi sfibiossi il petto e le poppe mostrommi
Powered by JBLOUD, © 2021 altersoftware.IT