Perché quando mando con Mail.app un allegato a un utente Windows, questo vede due file?

Quando si invia un allegato questo deve essere codificato in una certa maniera, per evitare che informazioni necessarie alla struttura del file vadano perdute.
Nel caso del Mac spesso —in parte per mantenere la compatibilità con i vecchi sistemi pre OS X— si trasmettono sia le informazioni che contengono i dati (la “data fork”, l’allegato vero e proprio) sia il ramo che contiene quelle risorse (“resource fork”) che permettono al sistema operativo di riconoscere il tipo di file inviato.

A partire da Mac OS X 10.3 Panther è possibile decidere di inviare allegati con la sola data-fork.

La scelta può essere effettuata in due maniere diverse: o di volta in volta (allegare un file cliccando sulla graffetta, e poi selezionare ”Invia allegati Windows Friendly”), oppure scegliendo “Invia Sempre Allegati Windows Friendly” dal menu Composizione/Allegati.

In questo modo i file verranno spediti privi di resource fork, quindi eventuali informazioni associate non presenti nei dati (tipo, creatore, icona o altro) andrebbero persi.

Un ottimo compromesso è quello di comprimere (zippare) i file con lo zip di sistema, e poi spedire solo la data fork (Windows friendly).

Se si spedisce anche la resource fork…

Esistono due codifiche per inviare queste informazioni: BinHex e Apple Double.
BinHex invia il file in versione completa (dati+risorse), ma può creare problemi ai sistemi Windows.
AppleDouble spezza il file in due tronconi (uno molto piccolo con le informazioni utili ai Mac, l’altro grande con l’allegato vero e proprio) ed è il formato migliore per inviare a qualunque computer. In teoria, essendo Apple Double uno standard, dovrebbe essere pienamente supportato da ogni client di posta, ma così non è: molti client, soprattutto su Windows, faranno vedere i due file separati. Niente di male: uno sarà semplicemente inutilizzabile, l’altro sarà l’allegato vero e proprio.

Mail.app di Jaguar usa di default Apple Double per l'invio, e non è possibile selezionare una codifica diversa.

Altri client (Outlook, Entourage, etc.) permettono di selezionare il metodo di invio di volta in volta, dando anche la possibilità di inviare (se si è sicuri che il destinatario utilizzi Windows) in formato MIME, senza i dati necessari al Mac.

[ Home | Elenco delle FAQ | Forum | Segnalazioni | Risorse | Feed RSS ]