Quale client SVN (Subversion) posso utilizzare sotto Mac OS X?

Subversion (SVN) è un potente sistema di gestione delle versioni di documenti, open source e orientato allo sviluppo di software da parte di una comunità di sviluppatori, concepito per sostituire il più celebre CVS e superarne le limitazioni.

Qualunque team che lavori su un progetto software di una certa dimensione deve giocoforza utilizzare un sistema di controllo versioni. Parecchi progetti open source mettono a disposizione anche del pubblico un repository (un archivio di codice sorgente e risorse) liberamente consultabile gestito da SVN, per citarne un paio Adium e Cyberduck.

Per connettersi ad un server SVN occorre un apposito client che sia in grado di recuperare i file dal sito remoto, effettuare i raffronti tra la copia remota e la copia modificata in locale e permetta di aggiornare all'occorrenza la copia remota. Purtroppo Mac OS X non contiene un client SVN; possiamo ottenerlo come codice sorgente usando Fink o DarwinPorts e compilarlo da noi, oppure come Package dell'Installer di Mac OS X, decisamente più comodo, dalla home page di Martin Ott di CodingMonkeys.

Per chi desiderasse un client SVN provvisto di GUI, esiste il progetto open source svnX, oppure il plugin per Finder (sperimentale) SCPlugin che trasforma il Finder in un client SVN (se riuscite a compilarlo fatemelo sapere).

Non da ultimo sia BBEdit che TextMate supportano SVN, appoggiandosi a uno dei binari consigliati.

Come client SVN è da prendere anche in considerazione svnx: http://www.apple.com/downloads/macosx/development_tools/svnx.html.
svnx è un client con GUI e (sperimentale) scplugin scplugin.tigris.org/ che trasforma il Finder in un client svn (può essere difficile compilarlo, però).

[ Home | Elenco delle FAQ | Risorse | Feed RSS ]