Come si crea un CD bootable (di avvio) per OS 7-9 con Toast?

Questa Faq si riferisce a Mac OS precedenti OS X.

Ingredienti:

  • Un masterizzatore ed un CD-R vergine
  • Toast versione 3.5.4 o successiva
  • Apple CD-ROM driver 5.4 (forse successive, ma NON 5.4.1)
  • Una cartella Sistema idonea

La sequenza per masterizzare un CD bootable sarà:

  1. selezionare il volume di origine con i dati da masterizzare
  2. scegliere il formato "Mac Volume"
  3. cliccare su “Data”
  4. checkare "Bootable"
  5. dare "OK" per uscire da "Data"
  6. tostare

Questa è la parte facile…
Più complesso è preparare i dati del volume di origine per ottenere un Sistema bootable, e prestare attenzione al driver CD della Cartella Sistema del disco da cui avviamo per masterizzare.

Toast prepara un CD bootable copiando l'intero volume HFS (o HFS+), ed usa il driver "Apple CD-ROM" per costruire il codice necessario sul CD per renderlo bootable.
Toast non chiede nulla all'utente se il driver è attivo in Cartella Sistema o nella Cartella Sistema da masterizzare, altrimenti chiede all'utente di individuare l'estensione "Apple CD-ROM".
Oltre al codice di boot creato da Toast usando il driver, è ovviamente necessario che sul volume da masterizzare ci sia una Cartella Sistema valida; servono entrambi i passi, la semplice presenza di una Cartella Sistema sul CD non lo rende bootable.

La cosa migliore è prendere una unità apposita: una partizione, o meglio ancora un HD, Zip, Jazz, SyQuest; oppure (più rischioso, non potremo riavviare da questa) una partizione temporanea di Toast, DiskCopy o ShrinkWrap.
Installare sull'unità un sistema clean, o semplicemente copiare la Cartella Sistema di un CD-ROM Apple già bootable; su questa unità passeremo poi Disk FirstAid e/o le Norton (per accertarci che venga marcata come bootable).

Nel creare un sistema per CD occorre tener presente che non è affatto detto che Estensioni e Pannelli di Controllo che funzionano bene su HD funzionino poi altrettanto bene su CD: il CD non può essere scritto, quindi ogni estensione o cdev che pretendano di scrivere su disco (preferenze, log o altro) falliranno miseramente, con il risultato di congelare il Mac in fase di boot o (nell'ipotesi migliore) di non essere caricate al boot.
Per evitare questo problema limitate la Cartella Sistema allo stretto indispensabile, stringendo all'osso o evitando estensioni di terze parti e limitando anche le estensioni di Apple.
Infine se si vuole che il CD faccia partire ogni Mac assicurarsi che venga installato un MacOS per ogni Mac, e non solo per quello che si sta usando.
Per tutti questi motivi può essere molto più semplice utilizzare uno dei sistemi che Apple mette sui CD di Sistema: con quei sistemi siamo certi di non avere problemi con il boot da CD.
Non installare più di un Sistema sull'unità da cui creeremo il CD, neanche in cartelle annidate dell'installazione di qualche programma.

Testare il Sistema creato riavviando da quella partizione, in modo da far creare quelle preferenze non installate ma scritte al primo boot.
Ricostruire la scrivania e riavviare ancora da quel disco.

Verificare che il Sistema dell'HD originale (non la partizione da masterizzare, ma quella da cui riavveremo per masterizzarla) utilizzi l'estensione Apple CD-ROM 5.4 o non usi nessun tipo di estensione Apple CD-ROM, e quindi riavviare dall'HD originale.
Come detto sopra, Toast usa l'Apple CD-ROM driver di sistema.
Questo driver non è necessario nel sistema del CD (infatti farà parte del driver del disco stesso), ma possiamo eventualmente averlo comunque nella Cartella Sistema della partizione da masterizzare.
Questo è uno dei due posti in cui Toast lo cerca, l'altro è nella Cartella Sistema attiva; se viene trovato in entrambi i posti Toast verifica quale delle due versioni sia la più recente, per cui verifichiamo di non avere la 5.4.1: questa versione permette il boot solo da CD-ROM IDE.

Per chi usa i G3: Apple ha apportato alcuni aggiornamenti durante la produzione dei G3. Le Rev 2 dei G3 possono utilizzare più di un CD-ROM IDE, hanno una sk video aggiornata (ATI Rage Pro) ed utilizzano ATA invece di SCSI. Questi G3rev2 richiedono il "System Enabler 770".


Una alternativa veloce…

  1. Prendere un CD bootable (di sistema)
  2. Farne una immagine con Toast
  3. Montare l'immagine sprotetta, e cestinarne tutto il contenuto tranne la cartella sistema (senza toccarla o alterarla).
  4. Aggiungere le applicazioni ed i documenti necessari, e smontare il disco.

A questo punto con Toast masterizzare l'immagine disco ottenuta.

[ Home | Elenco delle FAQ | Forum | Segnalazioni | Risorse | Feed RSS ]